25 aprile 2014 a Roma: tra liberazioni e resistenze di ieri e di oggi

Il 25 aprile Roma torna a liberarsi (mai dalle deviazioni) da Porta San Paolo al Lago Exsnia, con le resistenze che camminano, pedalano, mangiano e ballano, condividendo il passato da ricordare, il presente la liberare e il futuro da costruire.

Con una consapevolezza che non ci appartiene, e un vigore montato dalla politica che non ci rappresenta, la fede che vacilla, la crisi che incalza e la società che disgrega, eccoci di nuovo alle soglie del 25 aprile e del 69° anniversario della Liberazione, noi, figli, nipoti e pronipoti di chi ha fatto la resistenza, lottato per liberarsi, cacciato i fascisti, almeno quelli in divisa.

Noi che dobbiamo (imparare a) resistere a nemici infidi come l'odio, la violenza e l'indifferenza, che diffidiamo di tutti ma in fondo siamo disposti a credere a tutto, lasciandoci sedurre dai reality che falsificano la realtà, l'estetica che modifica i corpi, il profitto che non conosce etica, i dogmi di chi ha smarrito la fede, soprattutto in se stessi.

Con la speranza di liberarsi e resistere, ogni volta un po' di più, venerdì 25 aprile c'è chi pedala con il 69° Gran Premio della Liberazione, dalle 7 alle 16 circa, con partenza e ritorno in viale Terme di Caracalla, passando per via Antoniana, viale Baccelli, largo Terme di Caracalla, viale Terme di Caracalla, viale Porta Ardeatina, piazzale Ostiense, viale Giotto, largo Fioritto, viale Baccelli, largo Vittimo del Terrorismo.

Lloyd Scott Completes Fundraising Cycling Challenge

Anche chi non pedala in zona, pur continuando a investire energia in resistenze in bicicletta, dovrà comunque fare attenzione alle chiusure delle strada in via Antoniana, viale Baccelli, largo Terme di Caracalla, Viale di Porta Ardeatina, piazzale Ostiense, viale Giotto, largo Fioritto, viale Baccelli, largo Vittime del Terrorismo, viale Terme di Caracalla, e le deviazioni delle linee bus 160F, 175, 671, 714 e 715.

Nell’ambito dell'evento sportivo promosso dalla Primavera Ciclistica diretta da Andrea Novelli, Biciebike.Sherwood accompagna chiunque volesse partecipare alla scoperta dei luoghi della memoria di Roma, con la ciclopedalata che parte alle 9.45 dalla Metro Repubblica lato via nazionale, alle 10.20 da piazza San Giovanni sotto la statua San Francesco, per arrivare a Caracalla. (info 3485158300 - 3332959181 – biciebike.sherwood@libero.it)

800px-Granatieri_a_Porta_san_Paolo_1943

Chi (dalle 9.30 alle 14) sfila in corteo con l’ANPI (Associazione nazionale Partigiani d’Italia) da piazza del Colosseo (lato metro B) a piazza di Porta San Paolo (lato Piramide), passa per via Celio Vibenna, via di San Gregorio, viale Aventino e viale della Piramide Cestia. All’evento è prevista la partecipazione di 3000 persone. La Questura di Roma ha già disposto lo sgombero dei veicoli in sosta in via di San Gregorio (lato Arco di Costantino) e in piazza di Porta San Paolo (lato Piramide). Anche in questo caso fate attenzione alle linee bus deviate o limitate (C3, 3, 3Bus, 23, 75, 80, 81, 83, 118, 130F, 160F, 175, 280, 628, 673, 715, 716, 719.)

Contemporaneamente (dalle 9.30), piazza Venezia diventa teatro della consueta cerimonia 'ufficiale' di omaggio al Milite Ignoto, con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il ministro della Difesa e il comandante militare della Capitale, tra la parziale chiusura della piazza e le solite deviazioni/rallentamenti delle linee bus, sin dalle ore 8 (C3, H, 40Express, 44F, 46, 60Express, 62, 63, 64, 70,80Express, 80B, 81, 83, 85, 87, 119, 130F, 160F, 170, 175, 190F, 492, 628, 715, 716, 780,916F)

Mentre Zètema Progetto Cultura e Eataly, tornano ad organizzare i Tour gratuiti della Resistenza Romana, dai luoghi dei caduti di Porta San Paolo a Garbatella, dalla Centrale Montemartini al Ponte di ferro (che proseguono il 26 e 26 aprile a pagamento), MOVIMENTO TELLURICO trekking, ecologia e solidarietà il 25 aprile torna su Tracce di Resistenza, gemme di Pace, una camminata tra storia e storie di gente comune attraverso le vie di Roma seguendo le targhe targhe “nascoste” sopra i portoni romani, da via della Lungara a via Tasso, dalle Fosse Ardeatine a Porta San Paolo.

Movimento Tellurico a Roma

Dal Pigneto parte invece la due giorni di liberazione del presente, e dell'oasi verde con Laghetto che avrebbe dovuto diventare parco per tutti dal 2004, restando oggetti di lentezze e probabili progetti speculativi sino ad ora.

Due luoghi, due momenti e due giorni di Liberazione al Pigneto, che partono venerdì mattina alle 9:30 da piazza delle Camelie, in corteo con canotti e buoni propositi che puntano all’Ex SNIA e il Lago da liberare (protagonista del video di apertura), festeggiando la voglia di uno stile di vita green e sostenibile con la Titubanda, la Murga Patas Arriba, e tanti altri, nell’area pubblica del mancato parco. (In questo caso le deviazioni interessano le linee C5, 4, 14, 19, 81, 14, 19, 81, 114, 150, 312, 409, 412F, 440, 450F, 501, 541F, 545, 556F e 558).

2 giorni di Liberazione al Pigneto

Si continua dalle 19:00 a Piazza Persinani-Nuccitelli (Via Mariano da Sarno) e due giorni tra storia e arte per grandi e piccini, con la Jam session di Jazz al popolo, la Menestrella femminista, la Banda Jorona, l’Hip Hop dei StayReal Roma, la Pigneto Orkestra, “La Banda del Gobbo” che torna in spettacolo e il concerto della Refactory Brass Band, nel ricco programma 'riciclabile' e a basso impatto ecologico che troverete presto online dell'evento totalmente autogestita e autofinanziata da Quell@ del 25 Aprile.

Lo Spazio daSud festeggia la liberazione e il 5°compleanno con la RenziStenza culinaria di un Eat Act da leccarsi i baffi, tra antipasti autonomi, primi a chiamata, secondi impertinenti, contorni flessibili e sorprese accompagnate da performance, musica, teatro, free-wifi, social corner e giochi per tutti i bambini, dai 0 ai 99 anni, mentre ai nonni che arrivano a 100 aggiungiamo anche i nostri auguri speciali.

Resistenza e liberazione Spazio daSud - Eat Act

Tra Sampietrini Resistenti, mercatino bio dell'Altra Economia dai Semi urbani, pranzo sociale delle trattoria popolare, Concerto live di AJDE ZORA, partita dello Spartaco Rugby vs Resto Del Mondo con lezioni per bambini, e raccolta firme di delibere di iniziativa popolare su Acqua-Scuola- Patrimonio e Finanza Pubblica, si svolge invece la Festa di Liberazione del 25 aprile al Parco degli Acquedotti (area giochi via Lemonia).

La musica che libera, dalle ore 12 alle 21 il 25 aprile suona al Parco dell'Aniene/Brancaleone (ingresso in via Nomentana, altezza via Sannazzaro) con il Sound System montato sul prato del Reggae in the Grass.

Foto 1 | © Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati
Foto 2 | Wikipedia
Foto | Facebook


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 39 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO